I Vespri Fiumani, 6 luglio 1919

Il 29 ottobre 1918 la città istriana di Fiume era stata occupata dai serbi e dai serbo-fili del Comitato croato-sloveno. Ma il 30 ottobre 1918 l’organismo rappresentativo della città – il Consiglio Nazionale italiano di Fiume – aveva invece proclamato l’annessione al Regno d’Italia, invocando esplicitamente il principio di autodeterminazione dei popoli ed i Quattordici … continua a leggere

Pace o armistizio? Il trattato di Versailles, 28 giugno 1919

Il 28 giugno 1919, alle ore 15:12, nel Salone degli Specchi dello storico Palazzo di Versailles, il socialdemocratico tedesco Hermann Müller, ministro degli Esteri da poco più di una settimana, ed il ministro delle Colonie, il parlamentare centrista Johannes Bell, firmarono, in nome del governo tedesco, il trattato di pace che chiudeva formalmente la Prima … continua a leggere

Nasce il Council on Foreign Relations, 30 maggio 1919

Mentre a Parigi fervono le complesse trattative sul riordino del mondo dopo la Grande Guerra, il 30 maggio del 1919,  un selezionato gruppo di studiosi britannici e statunitensi si riunisce all’Hotel Majestic, sede della delegazione inglese alla conferenza, per discutere della futura collaborazione fra i due Paesi. Usa e Gran Bretagna riuniti dalla Grande Guerra … continua a leggere

Il Rowlatt Act britannico contro gli indipendentisti in India

Il dominio britannico in India (British Raj) datava ufficialmente dal 1858. Fu a seguito della grande Rivolta Indiana del 1857 (Rivolta dei Sepoys), dovuta in gran parte all’arrogante condotta della Compagnia delle Indie Orientali, che fino ad allora aveva governato il subcontinente, che questo divenne dominio diretto della Corona inglese, cosa che permise nel 1876 … continua a leggere

La rivoluzione egiziana del 1919 e i Quattordici Punti di Wilson

Si dimentica spesso  il tributo che i popoli cosiddetti di colore diedero alla vittoria alleata nella Grande Guerra: su quasi 9 milioni di mobilitati dalla Gran Bretagna, ad esempio, ben 2,7 milioni erano truppe non britanniche. Il loro tributo di sangue fu assai alto: su 910mila caduti, 177mila infatti erano di appartenenti alle truppe coloniali. … continua a leggere