“Padre della rivoluzione verde” in India condanna le colture GM come non sostenibili e non sicure

Il genetista vegetale M.S. Swaminathan, vincitore del World Food Prize, è conosciuto come “il padre della rivoluzione verde in India”, perché ha contribuito a introdurre nel paese un nuovo orientamento agronomico, influenzato dagli Stati Uniti, incentrato sulle moderne varietà ad alto rendimento di frumento e riso, con il relativo corredo di pesticidi e fertilizzanti chimici. Senza … continua a leggere

Scenario italiano. Parte prima: il contesto internazionale

Per indicare brevemente le prospettive per l’Italia nei prossimi anni, dobbiamo partire da quanto accade a livello mondiale.Il principale processo storico che sta segnando il nuovo secolo è rappresentato dallo spostamento del baricentro delle grandi politiche di potenza dall’Atlantico al Pacifico. Si tratta di un passaggio significativo, perché modifica il quadro cui siamo abituati in … continua a leggere

L’accordo economico transatlantico (TTIP) e il potere dell’economia

Nonostante siano sotto gli occhi di tutti i risultati del liberismo assoluto che ha dominato l’economia globale nel corso degli ultimi decenni, Stati Uniti ed Unione Europea stanno mettendo a punto il nuovo strumento giuridico che consentirà alle grandi compagnie multinazionali di influire sulle scelte sociali e politiche dei singoli Stati europei, allo scopo di … continua a leggere

L’India si rafforza ai confini con la Cina

Il governo indiano ha deciso di aumentare di 50.000 unità il dispiegamento delle proprie forze armate lungo la frontiera con la Cina, dopo due consistenti incursioni che l’esercito cinese ha portato in quell’area, causando una forte tensione in particolare lo scorso aprile.L’attuale rafforzamento era stato ipotizzato da almeno un triennio, ma viene ora messo in … continua a leggere

La diplomazia Usa e le multinazionali degli Ogm

Un’analisi di 926 cablogrammi diplomatici del Dipartimento di Stato provenienti da 113 paesi, fra il 2005 ed il 2009, svolta dall’organizzazione americana Food & Water Watch, dimostra le fortissime pressioni esercitate dalla diplomazia Usa sui Paesi esteri, specialmente quelli meno sviluppati, per spingerli a introdurre le colture modificate geneticamente nella loro agricoltura, nonostante fin dal … continua a leggere