La rivoluzione irlandese alla prova dei Quattordici Punti, 21 gennaio 1919

“L’Irlanda, risolutamente e irrevocabilmente determinata a non subire più il dominio straniero, all’alba dell’era promessa di auto-determinazione e libertà, invita ogni nazione libera a sostenere la sua rivendicazione nazionale di completa indipendenza come Repubblica Irlandese contro le pretese arroganti dell’Inghilterra, fondate sulla frode e sostenute solo da una schiacciante occupazione militare, e chiede un pubblico … continua a leggere

Wilson, Bissolati, Mussolini, 11 gennaio 1919

La sera dell’11 gennaio 1919, Tommaso Marinetti ed alcuni suoi seguaci, procuratisi fortunosamente i biglietti d’invito, riescono a raggiungere i palchi della Scala di Milano, dove si attende l’intervento di Leonida Bissolati, socialista riformista, esponente durante la Grande Guerra dell’interventismo democratico. Bissolati, pochi giorni prima, ha lasciato il governo perché personalmente contrario alla rivendicazione all’Italia … continua a leggere

La settimana tragica di Buenos Aires, 7-14 gennaio 1919

Dal 7 al 14 gennaio 1919, a Buenos Aires, Argentina, ebbe luogo una devastante sommossa, nota come semana tràgica, duramente repressa, nel corso della quale si verificò anche un pogrom contro ebrei russi immigrati, accusati di essere agenti bolscevichi. Tutto ebbe inizio con uno sciopero alla fabbrica metallurgica Vesena di Buenos Aires, di proprietà britannica, … continua a leggere

L’ambiguo accordo Weizmann Feisal, 3 gennaio 1919

A Londra, il 3 gennaio 1919, Chaim Weizmann, leader del movimento sionista, e re Feisal dell’Hegiaz, fedele alleato degli Inglesi durante la Prima Guerra Mondiale, sottoscrivono un accordo relativo alla politica da attuare nella Palestina ex-ottomana da pochi mesi sotto controllo britannico: nell’immagine accanto sono ritratti insieme nel loro primo incontro avvenuto ad Aqaba nel … continua a leggere

Mario Carli, Futuristi e Arditi, 1 gennaio 1919

Mario Carli, uno dei più rappresentativi esponenti del Futurismo italiano, fonda a Roma l’Associazione fra gli Arditi d’Italia. In questo momento l’intellettuale futurista è ancora ufficiale di questi reparti d’assalto, che avevano svolto un ruolo rilevante nelle ultime fasi della Grande Guerra sul fronte italiano, non solo in quanto unità d’élite ma soprattutto per il … continua a leggere