Primo Maggio con la BlackRock

"Penso che probabilmente il maggior cambiamento cui stiamo assistendo è la crescita dell’impatto della politica sul mondo degli affari. Si tratta di un cambiamento progressivo che non è mai stato così grande. Possiamo testimoniare che oggi in Cina, in Europa, negli Stati Uniti è in atto un braccio di ferro fra il mondo degli affari, … continua a leggere

Scenario Italiano. Parte seconda: oligarchie finanziarie contro democrazia del lavoro

La lezione del 2007-2008 non è stata compresa. Basterebbe questa affermazione per definire lo scenario dell’economia mondiale dei prossimi mesi ed anni.I grandi centri finanziari mondiali, che elaborano le strategie sistemiche dell’economia mondiale, dimostrano di non volere e di non potere rinunciare all’orientamento speculativo che è insieme all’origine della crisi che ha investito il sistema-mondo … continua a leggere

Alta finanza: in attesa della terza crisi

Mentre il sistema bancario italiano assiste ad una crescita del 22% delle cosiddette "sofferenze" (i debiti che i clienti non riescono a ripagare), arrivando al record di 128 miliardi di euro e ad una previsione di 19mila posti di lavoro in meno nel settore – per l’alta finanza internazionale nulla sembra cambiato.Secondo la Banca dei … continua a leggere

Il commissariamento di Banca delle Marche e la crisi di un sistema

La disfatta del sistema di potere intorno a Banca delle Marche è ora completa, col commissariamento dell’istituto intervenuto lo scorso 27 agosto, a poche ore da un consiglio di amministrazione dal quale era ormai chiaro non potesse venir fuori alcuna soluzione credibile per il futuro dell’istituto: il tutto ha avuto aspetti grotteschi perché, nel giro … continua a leggere

Il caso Banca delle Marche e il potere locale dei partiti

Le notizie di stampa sulla vicenda Banca delle Marche, piuttosto numerose in questa prima metà di agosto, dicono molto su come la partitocrazia trasforma, in una regione italiana, la democrazia in una oligarchia di comitati di affari che gestiscono come propria la cosa pubblica e, quel che è forse ancora più grave, condizionano potentemente l’economia … continua a leggere